I meravigliosi affreschi di San Gimignano, e altri luoghi

Piazza della cisterna e la Torre del Diavolo

La città di San Gimignano, famosa per le torri che ne caratterizzano il profilo, racchiude un tesoro di affreschi realizzati nel corso del Trecento e del Quattrocento da alcuni dei più importanti artisti senesi e fiorentini dell’epoca (alla mia visita ho dedicato una galleria di immagini).

Fra i luoghi da visitare, il Duomo di Santa Maria Assunta, che nella sua storia riflette quella della città: in origine semplice pieve fondata intorno al 1000, venne consacrata nel 1148 da papa Eugenio III e dal suo pulpito predicò anche Girolamo Savonarola.

Duomo, Bartolo di Fredi, storie del Vecchio Testamento

Godette di tali privilegi ecclesiastici che le autorità locali impiegarono grandi risorse per abbellirla ed ingrandirla, e il suo interno custodisce ancora un ciclo di affreschi che la ricopre completamente. Il colpo d’occhio che se ne ha varcando la soglia rimane impresso nella memoria, e rappresenta episodi del Nuovo Testamento (realizzati da Lippo e Federico Memmi, lungo la parete della navata di destra) e del Vecchio Testamento (risalenti al 1367 ad opera di Bartolo di Fredi, lungo la parete di sinistra).

Duomo, Lippo e Federico Memmi, storie del Nuovo Testamento – dettaglio

La volta a crociera è dipinta di blu, mentre gli intradossi delle arcate sono decorati con un motivo a bande. In controfacciata vi è un grande affresco rappresentante il martirio di San Sebastiano, risalente al 1465 ed opera di Benozzo Gozzoli, e ai suoi lati scene del Giudizio Universale di Taddeo di Bartolo, ispirate all’inferno dantesco. Lungo la navata di destra, ai piedi del transetto, si apre la Cappella di Santa Fina, realizzata su disegno di Giuliano da Maiano ed autentico gioiello del Rinascimento: è dedicata alla Santa più cara della città, la giovinetta Fina, che colpita da una grave malattia volle trascorrere gli ultimi anni di vita su una tavola di legno, che alla sua morte fiorì di viole gialle.

Duomo, Cappella di Santa Fina, affresco di Domenico Ghirlandaio

Ogni anno a marzo le viole gialle spuntano sulle torri della città, e rinnovano il ricordo della fanciulla e del suo miracolo. La cappella che ne custodisce le spoglie tramanda questa storia grazie agli affreschi di Domenico Ghirlandaio, raffiguranti San Gregorio che annuncia a Santa Fina la sua morte e Le esequie della santa, mentre al centro si erge l’altare opera di Benedetto da Maiano. Consiglio la visita del Duomo con il noleggio dell’audioguida, che consente di scoprirne la storia e i capolavori con una narrazione interessante e dettagliata.

Da destra, la Torre Rognosa, la Torre Chigi, le due torri dei Salvucci e, in secondo piano, la Torre Pettini

Una volta usciti dal Duomo, scendendo la scalinata ci si trova su Piazza della Cisterna, su cui affaccia il Palazzo Comunale, la Torre Grossa e Loggia del Comune. Tutta la piazza è circondata da Torri, fra cui la Torre Rognosa, la Torre Chigi, le Torri dei Salvucci e quelle degli Ardinghelli. Imboccando via di San Matteo si arriva alla Chiesa di Sant’Agostino, che merita la visita per il meraviglioso ciclo di affreschi che ne orna la cappella maggiore, dedicato alle storie del Santo.

Chiesa di Sant’Agostino, Benozzo Gozzoli, Storie della vita di Sant’Agostino, Agostino si trasferisce a Milano

Realizzato da Benozzo Gozzoli e bottega fra il 1464 e il 1465 su committenza del priore Fra Domenico Strambi, racconta diciassette episodi della vita di Agostino, dalla scuola di Tagaste alle sue esequie. I paesaggi idilliaci, le architetture rinascimentali, i personaggi colti dal vivo, rendono l’opera del maestro immediatamente riconoscibile, e riconducono alla memoria il Corteo di Magi della cappella di Palazzo Medici Riccardi di Firenze (realizzata entro il 1462, cui ho dedicato questo articolo e una galleria fotografica), gli affreschi della chiesa di San Francesco nel borgo umbro di Montefalco (ne parlo approfonditamente in questo post) e il ciclo del Camposanto di Pisa (1469).

Chiesa di Sant’Agostino, Benozzo Gozzoli, Storie della vita di Sant’Agostino, Agostino fanciullo – dettaglio

Sempre di Benozzo si può ammirare l’affresco votivo di San Sebastiano, dipinto in occasione della peste del 1464, con il Santo che dispiega il suo mantello per proteggere dalle frecce – scagliate dall’ira di Dio – il popolo di San Gimignano. Altre opere sono l’altare della croce con un affresco di Vincenzo Tamagni, la pala di Ridolfo di Ghirlandaio con la Madonna e il Bambino tra Santi, il dipinto sull’altare maggiore con l’Incoronazione della Vergine realizzato da Piero del Pollaiolo. La Chiesa infine custodisce le spoglie di San Bartolo, cui è dedicata una cappella con altare di Benedetto da Maiano, affreschi di Sebastiano Mainardi e pavimento in cotto di Andrea della Robbia.

San Lorenzo in Ponte @ arte.it

Un’altra chiesa da visitare è San Lorenzo in ponte, il cui motivo di interesse è l’estesa decorazione ad affresco realizzata da Cenni di Francesco di Ser Cenni sul tema della vita ultraterrena legata alla figura di San Lorenzo. La chiesa è stata riaperta nel marzo scorso dopo essere stata acquisita dal Comune di San Gimignano, che ne ha curato il restauro e la sua restituzione alla città e ai turisti.

Museo civico

Con un po’ di tempo a disposizione merita senz’altro la visita il Museo Civico, ospitato nel Palazzo Comunale, che accoglie una ricca pinacoteca dal XIII al XVII secolo, tra cui la Maestà di Lippo Memmi (ispirata a quella senese di Simone Martini, e che quest’anno ha compiuto 700 anni), opere di Coppo di Marcovaldo, Taddeo di Bartolo, Filippino Lippi, Benozzo Gozzoli, Benedetto da Maiano, il Sodoma, il Pinturicchio. Dal Palazzo si accede inoltre alla Torre Grossa, la più alta di San Gimignano, da cui si ammira un bel panorama sulla città e il paesaggio circostante. Accanto al Duomo si trova infine il Museo di Arte Sacra, che conserva dipinti, sculture, bassorilievi, tessuti, codici miniati appartenenti alla Collegiata e alle chiese del territorio.

Veduta dalla Rocca @ sangimignano.com

Oltre a salire sulla Torre Grossa, per ammirare il panorama si può giungere fino alla Rocca di Montestaffoli, realizzata  dai fiorentini nel 1353 quando la città si sottomise a Firenze. La rocca ospitava una fortezza di cui sono sopravvissute solo le cerchie murarie.

Per gli amanti dell’arte contemporanea consiglio una sosta alla Galleria Continua, fondata nel 1990 in un luogo così inusuale per l’arte contemporanea e giunta ad aprire sedi  a Pechino, Les Moulins, l’Avana, lavorando con artisti come Michelangelo Pistoletto, Jannis Kounellis, Daniel Buren, Anish Kapoor, Antony Gormley, Hiroshi Sugimoto, Berlinde de Bruyckere.

 

Immagini di San Gimignano, il Duomo e la Chiesa di Sant’Agostino

Una giornata a Firenze

Girolamo Macchietti, Ritratto di donna – dettaglio

Con una giornata a disposizione a Firenze consiglio due visite in due luoghi di recente apertura: a Palazzo Strozzi la mostra temporanea dedicata al Cinquecento a Firenze, cui ho dedicato questo post (qui alcune immagini), e nel complesso di San Firenze il nuovo museo Franco Zeffirelli.
La visita dell’esposizione di Palazzo Strozzi merita alcune ore, sia per approfondire l’articolata rappresentazione della temperie artistica fiorentina del Cinquecento, sia per godere della ricchezza delle opere esposte e della vasta campagna di restauri che ha accompagnato la realizzazione della mostra, visitabile sino al 21 gennaio 2018.

La sala della musica del complesso di San Firenze

Il Museo Franco Zeffirelli ha aperto le sue porte il primo ottobre scorso negli ambienti del complesso di San Firenze, in origine convento dei padri filippini e successivamente sede del Tribunale. Il percorso espositivo è allestito al primo piano, mentre al piano terreno si trovano il bookshop, la caffetteria e la sala della musica, realizzata in quello che era l’Oratorio del convento. Al piano terreno si trovano inoltre la biblioteca, costituita da circa diecimila volumi, e l’archivio, che illustra tutte le fasi di lavoro di Zeffirelli, entrambe consultabili su prenotazione.

Pagliacci, Firenze, 14 febbraio 2009

Completano il progetto le sale per la didattica, anch’esse collocate a piano terra. Tutti questi ambienti costituiscono il Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli, che è nato per volontà del Maestro per raccogliere e mettere a disposizione il patrimonio artistico della sua lunga carriera, attraverso la promozione di iniziative espositive (in programma anche l’organizzazione di mostre temporanee, a fianco di quella permanente), la divulgazione dell’arte dello spettacolo, la formazione didattica nell’ambito del teatro di prosa, dell’opera e del cinema. La mostra permanente visitabile al primo piano è articolata in tre spazi, teatro di prosa, opera in musica e cinema, e ospita oltre 250 opere tra bozzetti di scena, figurini di costumi e disegni (ho pubblicato qualche immagine); è possibile richiedere la visita guidata telefonando allo 055 281038 (segreteria) o 055 2658435 (biglietteria). Le attività del Centro prevedono infine un ricco calendario di eventi, quali incontri, conferenze e concerti, consultabile on line.

Giovanni della Robbia, Lunetta Antinori, Brooklyn Museum

Con un po’ di tempo a disposizione ci si può fermare al Museo Nazionale del Bargello, situato a pochissimi passi da San Firenze, dove è eccezionalmente in esposizione la lunetta con la “Resurrezione” realizzata da Giovanni della Robbia intorno al 1520 su commissione di Niccolò di Tommaso Antinori. Si tratta di un’esposizione straordinaria, perché l’opera venne acquistata nel 1898 da Aaron Augustus Healy, che la portò a New York per donarla al Brooklyn Museum, e da allora non era più tornata a Firenze. La lunetta, che rappresenta il Cristo risorto con il committente in ginocchio alla sua destra e attorno i soldati all’interno di una cornice di fiori e frutti, ha dimensioni monumentali, 174 cm x 364, ed è una delle opere più notevoli dell’artista.

Il cortile del Bargello @ bargellomusei.beniculturali.it

Nel 2016 Marchesi Antinori ha finanziato il restauro della lunetta e ne ha sostenuto l’esposizione al Bargello, dove è conservata la maggiore raccolta al mondo di sculture robbiane in terracotta invetriata. La sosta potrebbe essere l’occasione giusta – per chi non conoscesse questo meraviglioso museo – per ammirarne i capolavori esposti, fra cui opere di Michelangelo, Donatello, Verrocchio, Luca della Robbia, Cellini, Giambologna, Ammannati: un luogo dove la bellezza eleva l’anima, e dove è auspicabile trascorrere almeno qualche ora.

@ La Brac

Per una sosta a pranzo consiglio due fra i miei ristorantini preferiti nella zona, ovvero Brac e Dim Sum. Brac è una libreria che organizza eventi culturali dedicati all’arte e ai libri, e ha una cucina vegetariana e vegana ricca di preparazioni particolari. È tutto buonissimo, i miei piatti preferiti sono quelli a base di pane carasau. Dim Sum è un ristorante fusion asiatico che propone una cucina curata, che trova il suo punto di forza nei noodles espressi, fatti a mano a vista. Ottimi anche i ravioli e i piatti di riso.

Sempre assecondando il gusto a tavola per l’oriente, consiglio – a cena – un tavolo al Ciblèo, la nuova creatura dello chef Fabio Picchi aperto nel marzo scorso accanto al più rinomato Cibrèo a Sant’Ambrogio. Come la “l” nel nome suggerisce, in questo piccolissimo ristorante (16 posti a sedere di cui 8 al banco) si propone una cucina “tosco-orientale”, dove si accostano tortelli e ravioli, e preparazioni e ingredienti toscani si aprono alle suggestioni orientali, in particolare nipponiche, cinesi e coreane: nascono così la zuppa calda di vongoline nippo-elbana, le cozze con cavolo rapa e wasabi, il baozi caldo con prosciutto cotto di Zivieri, il maiale del Casentino allo stile dell’Himalaya. L’ambiente è intimo, accogliente, curato nei minimi dettagli, come ogni creazione di Picchi, il menù (fisso, ma in costante cambiamento) è stimolante e divertente, offerto e presentato con gentilezza e passione. Merita la prenotazione, in anticipo.

Immagini del Museo e del Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli a Firenze

2017-2019: due anni dedicati a Picasso

Girellando per le città italiane in questi mesi è facile trovare una mostra su Picasso, in occasione del centenario del viaggio dell’artista spagnolo nel nostro Paese. Le esposizioni italiane hanno dato avvio al più ampio progetto “Picasso-Méditerranée. 2017-2019, lanciato dal Musée National Picasso-Paris e dedicato all’opera “ostinatamente mediterranea” dell’artista. Sono oltre sessanta le istituzioni che hanno aderito, in Francia, Italia, Spagna, Malta, Marocco, Turchia, Grecia e Cipro.

Pablo Picasso, sipario di “Parade”

Alle Scuderie del Quirinale fino al 21 gennaio si può ammirare “Picasso. Tra Cubismo e Classicismo: 1915-1925” inaugurata a cento anni dal primo soggiorno a Roma dell’artista. Picasso venne nella città eterna per incontrare l’impresario dei Ballets Russes, Sergej Djagilev, e i due mesi che vi trascorse per mettere a punto costumi e scenografie per il balletto “Parade” segnarono la sua vita privata e la sua ispirazione artistica. Qui infatti conobbe la ballerina Olga Khokhlova, che sposò dopo un anno, e il contatto con le città di Roma, Napoli e Pompei influenzarono la sua arte, in un momento in cui il cubismo stava esaurendo la sua spinta creativa. La mostra è dunque l’occasione per rievocare quel soggiorno e la nuova ispirazione suscitata dal classicismo, ed espone oltre cento lavori risalenti al periodo 1915-1925, anno in cui anche il fascino della nuova corrente andò ad esaurirsi. In concomitanza con la mostra, a Palazzo Barberini nello splendido Salone affrescato da Pietro da Cortona è esposto il grandioso sipario realizzato da Picasso per “Parade”: l’immensa tela (lunga 17 metri ed alta 11), è tornata per la prima volta nella città dove fu ideata (venne poi conclusa a Parigi).

Presso il Palazzo Ducale di Genova è stata da poco inaugurata l’esposizione “Capolavori dal Museo Picasso, Parigi”, che vuole mostrare le opere (oltre cinquanta quelle in mostra) per cui l’artista nutriva una speciale predilezione (fra di esse vi sono lavori da cui Picasso non si separò mai), e al contempo ricostruire il suo percorso dall’inizio del Novecento fino agli anni Settanta.

Pablo Picasso, Sulla spiaggia, Peggy Guggenheim Collection @ Succession Picasso by SIAE 2017

A Venezia la Peggy Guggenheim Collection ospita fino al 7 gennaio 2018 la mostra “Picasso. Sulla spiaggia” che, partendo dal dipinto “Sulla spiaggia (La Baignade)” appartenente al museo veneziano, mette insieme per la prima volta quattordici opere per indagare sui legami tra Picasso e il Mediterraneo. La selezione include tre dipinti, dieci disegni e una scultura e prende le mosse da quella che era una delle tele più amate da Peggy Guggenheim. Ho ammirato la collezione Guggenheim in occasione del mio ultimo viaggio a Venezia.

Nei prossimi mesi verranno inoltre inaugurate queste ulteriori eposizioni:

A Milano, dal primo ottobre 2018 presso Palazzo Reale, “Picasso Mythologies”, che vuole approfondire il rapporto tra Picasso e l’arte greco-romana attraverso trecento opere in mostra.

A Faenza, dal primo ottobre 2019 presso il Museo della ceramica, “Picasso, la sfida della ceramica”.

A Napoli e Pompei, dal primo ottobre 2018 presso il Museo di Capodimonte, il Mann-Museo Archeologico Nazionale e l’Antiquarium di Pompei, “Picasso e l’antico”. La mostra, articolata sulle tre sedi, vuole riflettere sull’influenza esercitata dall’arte antica su Picasso affrontando la tematica da tre diverse prospettive: al Museo Capodimonte l’esposizione mirerà a mostrare l’eredità della pittura pompeiana sull’opera picassiana, al Mann si concentrerà sull’iconografia del minotauro (che attraversa tutta l’opera di Picasso), a Pompei sarà infine presentata una selezione di ceramiche dell’artista, a sottolineare l’influenza del modello antico.

Venezia: cosa vedere in tre giorni, e altri consigli

Il panorama dal ponte dell’Accademia verso Punta della Dogana

Questo post nasce dal mio ultimo fine settimana a Venezia, ma ricorda anche le tante cose viste che mi sento di suggerire a cuore aperto, ottime alternative anche quando le mostre temporanee che ho ammirato e di cui qui scrivo saranno concluse. Come primo vademecum alla visita della città, penso sia necessario tenere ben presente gli orari di apertura e chiusura, che condizionano l’organizzazione di ogni giornata: i bacari a pranzo chiudono alle 14, i musei chiudono alle 18, ad eccezione dei musei civici che fino al 31 marzo chiudono fra le 16 e le 17, i ristoranti a cena hanno talvolta due turni, il secondo dei quali è alle 21,30, orario dopo il quale è molto difficile essere accolti. Infine, moltissime chiese non sono visitabili la domenica e, quando sono aperte, hanno orari di chiusura variabili: ad esempio non sono riuscita a visitare – a pagamento – la sagrestia di Santa Maria della Salute perché già alle 11,40 era stata chiusa, mentre avrebbe dovuto rimanere aperta fino alle 12.

Giorno 1

Maurizio Nannucci, Changing Place, Changing Time, Changing Thoughts, Changing Future

Sono tornata alla Peggy Guggenheim Collection perché è un luogo straordinario, dove passeggiare tra opere d’arte uniche in un ambiente davvero peculiare, in un Palazzo – l’unico a un piano lungo tutto il Canal Grande, e noto come palazzo non finito – che fu acquistato da Peggy Guggenheim nel 1949 e che divenne la sua abitazione. Tra i capolavori che qui si possono ammirare (di cui ho fotografato alcuni miei preferiti), L’empire des lumières di René Magritte, Piazza di Alberto Giacometti, The Antipope di Max Ernst, Jamais di Clyfford Still, En lieu oblique di Yves Tanguy, Alchemy di Jackson Pollock. Alcune foto appese alle pareti mostrano il Palazzo così come l’aveva arredato Peggy Guggenheim, che viene ritratta insieme agli amati cagnolini Lhasa Apso, poi sepolti, insieme alla loro padrona, nel giardino delle sculture. In questo spazio, ricco di opere – tra gli altri – di Arp, Duchamp-Villon, Giacometti, Merz, Moore, è un piacere sostare e passeggiare, mentre dalla terrazza Marino Marini si ammira una bella vista sul Canal Grande.

René Magritte, L’Empire des lumières

Il museo inoltre offre una buona caffetteria, dove è possibile pranzare, riservata esclusivamente ai propri visitatori. Lo spazio riservato alle esposizioni temporanee attualmente ospita una mostra dedicata a Picasso, dal titolo Picasso. Sulla spiaggia, e una dedicata all’arte dei Salon de la Rose + Croix intitolata Simbolismo mistico. Il Salon de la Rose+Croix a Parigi 1892–1897 (entrambe fino al 7 gennaio 2018). In occasione della visita alla collezione, consiglio la visione del film “Peggy Guggenheim: Art Addict“, che permette di comprendere l’importanza di questo luogo nella vita della sua eccentrica e straordinaria padrona di casa.

Santa Maria della Salute

A pochi passi dalla Collezione Guggenheim si trova la Chiesa di Santa Maria della Salute, la cui cupola caratterizza il profilo di Dorsoduro a Punta della Dogana e che merita una visita per la storia che essa testimonia e per le opere d’arte che custodisce al proprio interno. Venne edificata su progetto di Baldassarre Longhena (a cui si devono, tra le altre opere, lo scalone della biblioteca di San Giorgio Maggiore, la Chiesa degli Scalzi, Ca’ Pesaro, Ca’ Rezzonico) come preghiera e ringraziamento alla Madonna per la fine dell’epidemia di peste che decimò la popolazione nel 1630.

Interno di Santa Maria della Salute @ basilicasalutevenezia.it

All’interno di ammirano pale d’altare di Tiziano e Luca Giordano, ma è la sagrestia che merita la visita (purtroppo non sono riuscita ad ammirarla), perché conserva opere di Tiziano, Tintoretto, il Sassoferrato, Palma il Giovane. Rimanendo in Dorsoduro, giungendo a Campo San Sebastiano si può ammirare la Chiesa omonima, che venne completamente affrescata dal Veronese: tra i dipinti, spiccano quelli sul soffitto rappresentanti le storie di Ester. Dopo la sua morte, il pittore venne sepolto qui.

In alternativa alla Collezione Guggenheim si può visitare Palazzo Cini, situato a pochi passi, che fu la casa-museo di Vittorio Cini e che oggi offre alla visita la splendida raccolta d’arte antica di colui che fu uno dei più importanti collezionisti e mecenati del Novecento italiano.

Piero di Cosimo, Madonna con Bambino e due angeli @ palazzocini.it

La Galleria al primo piano espone un nucleo di dipinti, oggetti d’arte e sculture dal XIII al XVI secolo, con la presenza di un cospicuo numero di opere di primitivi toscani e del rinascimento fiorentino, nonché di dipinti ferraresi.

Altrimenti – da solo vale il viaggio a Venezia – consiglio il complesso monumentale delle Gallerie dell’Accademia, che richiede almeno mezza giornata di visita.

Vittore Carpaccio, Incontro di Gioacchino ed Anna tra i santi Luigi IX e Libera @ gallerieaccademia.it

Oltre ad una raccolta di arte strepitosa, ospita mostre temporanee: fino al 2 aprile 2018 è visitabile l’esposizione “Canova, Hayez, Cicognara. L’ultima gloria di Venezia” che celebra il bicentenario della fondazione delle Gallerie. Fra le opere in esposizione permanente, quelle che mi hanno più colpito: la Pala di San Giobbe di Bellini (moltissime le opere di Bellini qui esposte), la Madonna dell’arancio di Cima da Conegliano, la Presentazione di Gesù al tempio di Carpaccio, il Ritratto di Giovane uomo di Memling, La vecchia di Giorgione, il Convito in casa di Levi di Veronese, il Trafugamento del corpo di San Marco di Tintoretto, Rinaldo e Armida di Hayez, il Miracolo della reliquia della Croce al ponte di Rialto di Carpaccio, il ciclo pittorico delle Storie di Sant’Orsola di Carpaccio, San Girolamo e un devoto di Piero della Francesca, il San Giorgio di Mantegna, la Tempesta di Giorgione, la Presentazione di Maria al Tempio di Tiziano, la Madonna dello zodiaco di Cosmè Tura.

Giorgione, La tempesta @ gallerieaccademia.it

Oltre ai capolavori, degno di ammirazione è il palazzo che li ospita, che riserva ambienti davvero da capogiro: il complesso è interessato da alcuni anni da lavori di restauro che mirano a raddoppiarne gli spazi espositivi, e per ridurre al minimo i disagi le sale – adesso sono interessate dai lavori quelle al primo piano – vengono chiuse  in via parziale e temporanea: è utile pertanto, prima della visita, consultare on line le opere effettivamente in esposizione e quelle temporaneamente non visibili. Consiglio inoltre il noleggio dell’audioguida, che consente un approfondimento interessante e niente affatto noioso della storia delle opere e dei loro artisti.

Giorno 2

Punta della Dogana vista dall’Isola di San Giorgio Maggiore

Il secondo giorno ho visitato Punta della Dogana e Palazzo Grassi in occasione della mostra “Treasures from the wreck of the Unbelievable” di Damien Hirst, in programma fino a 3 dicembre prossimo. Sulla mostra e le impressioni che ha suscitato in me ho scritto questo post, oltre ad aver scattato moltissime foto. Sono inoltre stata alla Scuola grande della Misericordia dove è allestita una mostra multimediale dedicata a Giotto, dal titolo “Magister Giotto”: l’esposizione – visitabile fino al 23 novembre – si articola al primo piano di questo magnifico ambiente ed è stata organizzata in occasione dei 750 anni dalla nascita del maestro, di cui racconta la vita e le opere accompagnati dalla musica di Paolo Fresu.

In alternativa alla visita degli spazi della Fondazione Pinault, fino al 26 novembre sarà visitabile anche la Biennale d’Arte, quest’anno intitolata “Viva Arte Viva” e come di consueto organizzata negli spazi dell’Arsenale e ai Giardini (oltre che nel centro storico di Venezia): la visita richiede almeno un giorno intero.

Palazzo Ducale e campanile di San Marco visti dall’Isola di San Giorgio Maggiore

Una volta concluse queste esposizioni, la giornata potrebbe essere dedicata alla scoperta di Palazzo Ducale, che ora ospita una splendida mostra di gioielli della collezione Al Thani, ammirabile fino al 3 gennaio 2018. Oltre alla visita del Palazzo, che da sola richiede mezza giornata e per la quale merita il noleggio dell’audioguida, consiglio caldamente la visita guidata dei percorsi segreti, che permette di vedere luoghi non visitabili liberamente, quali i Pozzi e i Piombi, oltre ad ambienti dedicati all’amministrazione della Serenissima: il percorso, che richiede la prenotazione anticipata e ha un biglietto a sé, permette di conoscere la storia politica e civile della città, la sua organizzazione e l’amministrazione della giustizia.

Palazzo Ducale, Sala del Maggior Consiglio @ http://palazzoducale.visitmuve.it

Per visitare il Palazzo si può acquistare il biglietto unico, con validità tre mesi, che consente anche l’accesso al Museo Archeologico, al Museo Correr e alla Biblioteca Marciana (oltre che all’esposizione temporanea), oppure il Museum Pass che dà accesso a tutti i musei civici veneziani e che ha validità sei mesi dalla data dell’acquisto.

Una volta in piazza San Marco, è impossibile – a meno di non essere davvero molto stanchi… – non visitare la Basilica, sul cui spigolo verso l’ingresso al Palazzo Ducale si trova il celebre gruppo dei Tetrarchi in prezioso porfido rosso.

Piazza San Marco con l’acqua alta

L’ingresso è libero e gratuito e, prima nel nartece e poi all’interno, lo sguardo è inevitabilmente attirato dai meravigliosi mosaici in vari colori e a foglia d’oro che coprono le volte e le cupole, che rappresentano un ricco programma iconografico sviluppato lungo otto secoli di storia; merita grande attenzione anche lo straordinario pavimento in marmo che, come un immenso tappeto, riveste tutta l’area della basilica (ben 2099 metri quadrati), con motivi geometrici e figure animali.

I mosaici di San Marco @ basilicasanmarco.it

Pagando un biglietto a parte, è possibile ammirare il ricco tesoro di San Marco, che comprende oggetti di varia provenienza (pezzi portati a Venezia da Costantinopoli dopo il 1204, coppe di origine islamica, oggetti in filigrana…) e soprattutto rimanere a bocca aperta di fronte alla pala d’oro, realizzata a Costantinopoli nel 1105 su committenza del doge Ordelaffo Falier: un capolavoro di oreficeria gotica con 250 smalti cloisonnés ornata di perle e pietre preziose che celebra il culto della luce, narrando le storie della vita di Cristo e di San Marco.

Pala d’oro @ basilicasanmarco.it

Sempre nel corso della visita della Basilica è possibile accedere al museo di San Marco, a pagamento, che comprende oggetti di varia natura appartenenti alla basilica e, soprattutto, la Quadriga marciana, che dopo l’ultimo restauro è stata qui spostata dalla sua originaria posizione al centro della facciata principale: l’opera, in bronzo dorato, giunse a Venezia insieme al bottino di guerra raccolto dopo la conquista di Costantinopoli del termine della IV Crociata nel 1204, insieme a molti altri oggetti oggi visibili nel tesoro di San Marco.

Quadriga marciana @ basilicasanmarco.it

Prima di abbandonare la Basilica, vale la pena soffermarsi ad ammirare le facciate, anch’esse ornate da sculture e mosaici che raccontano la storia della Basilica e di Venezia. Prima di pianificare la visita della Basilica, consiglio di dare un’occhio al sito web, dove sono chiaramente indicati gli orari di visita e le eventuali sospensioni.

Giorno 3

L’isola di San Giorgio Maggiore vista da Punta della Dogana

Ho dedicato la mattina alla visita dell’isola di San Giorgio Maggiore, dove si trova la Fondazione Giorgio Cini, ospitata nell’antico convento benedettino, e la Chiesa di San Giorgio Maggiore. Gli spazi conventuali sono visitabili esclusivamente con guida (in italiano il sabato e la domenica con partenza alle 10, 12, 14 e 16), che consente di scoprire la storia dell’isola e della Fondazione, ammirandone i magnifici luoghi (cui dedico una mia personale galleria di foto): il Chiostro dei Cipressi costruito agli inizi del Cinquecento da Andrea Buora, il Chiostro palladiano, ultimato ai primi del Seicento su progetto di Andrea Palladio, che costruì anche la Chiesa e il Refettorio.

Il chiostro di Andrea Palladio

Per il Refettorio Paolo Veronese dipinse la monumentale tela de Le nozze di Cana, che ornava completamente la parete di fondo dando l’illusione di prolungare lo spazio e richiamando, nella sua architettura dipinta, quella progettata da Palladio. L’opera fu ordinata dalla comunità benedettina nel 1562 e venne realizzata in 15 mesi, riscuotendo un successo tale da determinare una svolta nella carriera del pittore, a cui furono chieste numerose varianti da parte di altre comunità religiose. Qui inoltre le pressanti domande per visitare il capolavoro rischiarono di turbare la pace e la quotidianità della comunità benedettina.

Il refettorio di Andrea Palladio

Per volontà di Napoleone la tela fu smontata e trasportata in barca a Parigi nel 1797 ed esposta al Louvre, dove tuttora si trova, nella sala che ospita la Gioconda di Leonardo. Oggi a San Giorgio si trova un bel fac simile, che ha il merito di restituire l’impressione originaria. Gli altri luoghi oggetto della visita guidata sono lo scalone del Longhena, che costituisce l’ingresso monumentale alle sale superiori, la biblioteca del Longhena con le sue librerie originali (che scamparono al trafugamento in Francia, a differenza della tela del Veronese, perché troppo pesanti per essere trasportate in barca), la nuova Manica Lunga, che originariamente era il dormitorio, oggi destinata a Biblioteca – mirabile nell’allestimento di Michele De Lucchi – e infine il labirinto Borges, ricostruzione del giardino-labirinto realizzato in occasione dei venticinque anni dalla morte dello scrittore argentino. La Fondazione Cini organizza esposizioni temporanee nello spazio de Le stanze del vetro: quella in corso, visitabile fino al 7 gennaio, è dedicata a Vittorio Zecchin, e mostra i vetri soffiati disegnati per Cappellin e Venini dal 1921 al 1926 (qui qualche scatto delle opere in mostra).

La facciata della Chiesa di San Giorgio Maggiore

Terminato il giro negli spazi della Fondazione, ho visitato la Chiesa di San Giorgio Maggiore, progettata dal Palladio dopo la realizzazione del refettorio del monastero. La Chiesa si affaccia sul bacino di San Marco e dalla sua scalinata di ingresso si ammira un’indimenticabile vista sulla basilica marciana e sul Palazzo Ducale.

Ho riservato il pomeriggio alla visita del Palazzo Fortuny, che fino al 26 novembre ospita la temporanea “Intuition”: secondo la sua presentazione, la mostra intende indagare i modi in cui l’intuizione ha plasmato l’arte in latitudini, culture ed epoche diverse. Il suo allestimento – oltre a consentire di ammirare opere antiche e moderne, collocate le une accanto alle altre secondo accostamenti insoliti e stimolanti – si coniuga perfettamente con gli spazi del palazzo di Mariano Fortuny e offre belle suggestioni (qui qualche immagine). Segnalo infine che al “padrone di casa” il Prado sta dedicando un’esposizione antologica (appena inaugurata) cui il Museo veneziano contribuisce con il prestito di oltre 30 opere: l’esposizione si intitola “Fortuny (1838-1874)“.

Tiziano Vecellio, Madonna di Ca’ Pesaro @ basilicadeifrari.it

Da Palazzo Fortuny vale la pena arrivare fino alla Chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari – distante pochi minuti – dove oggi è possibile ammirare la pala Pesaro di Tiziano, restituita alla visita da poche settimane al termine di un restauro durato quattro anni. Si tratta di un capolavoro della pittura veneziana che è stata adesso restituita al pieno godimento, nello splendore dei suoi colori. Fra le altre opere esposte ai Frari vi sono il polittico con Madonna, Bambino e Santi di Bellini, la statua di San Giovanni Battista di Donatello (unica sua opera veneziana), i monumenti a Canova, Tiziano, al Doge Nicolò Trion e al Doge Francesco Foscari, l’Assunta di Tiziano. La Basilica presenta inoltre un coro ligneo maestoso, che si erge al centro della navata nella sua collocazione originaria, e la cortina marmorea che lo circonda, ornata con busti in rilievo di Patriarchi e Profeti dell’Antico Testamento.

La facciata della Scuola Grande di San Rocco

Accanto alla Basilica si trova la Scuola Grande di San Rocco, un luogo rimasto pressoché inalterato dall’epoca della sua costruzione (1478) e che accoglie il più famoso ciclo pittorico di Tintoretto con episodi del Vecchio e Nuovo Testamento. Oltre a Tintoretto, di cui si distingue la monumentale Crocifissione, che godette di straordinaria fama fra i suoi contemporanei, la Scuola conserva capolavori come il Cristo portacroce di Giorgione, l’Annunciazione di Tiziano, due teleri di Tiepolo, i dossali in noce che rivestono tutta la sala capitolare. A fianco alla Scuola Grande si trova la Chiesa di San Rocco, concepita come sacrario del Santo, il cui corpo è conservato nell’altare maggiore.

Tramezzini Florian

Al temine di tre giorni di passeggiate a Venezia, consiglio due esperienze da non perdere: una sosta al Caffè Florian di Piazza San Marco, seduti sui comodi divanetti rossi, per assaporare un buon caffè o, nelle fredde giornate invernali, un ottimo zabaione, il tutto servito sull’immancabile vassoio d’argento. La sera suggerisco un passaggio al Casinò, risalente al 1638 e riconosciuto come la casa da gioco più antica al mondo. Il palazzo rinascimentale che lo ospita, Ca’ Vendramin Calergi, fu l’abitazione di Richard Wagner, e qui spirò il musicista nel 1883. Le sale Wagner sono visitabili su appuntamento a cura dell’Associazione Richard Wagner di Venezia.

Alberghi e ristoranti, altri consigli:

Fra i ristoranti stellati sicuramente Da Fiore, che non va confuso con l’omonimo bacaro, situato in tutt’altra zona (che comunque consiglio per l’eccezionale baccalà mantecato).

Dolce fatto in casa dalla Betta alle Antiche Carampane

Un ristorante di ottimo livello, che si distingue per la grande cortesia del personale è Antiche carampane. E’ piccolo e intimo (necessita di prenotazione con ampio anticipo), ma tra le varie prelibatezze qui servono le introvabili moeche.

Fra le trattorie e i bacari: Da Fiore, Al Mascaron, Bancogiro (quest’ultimo si trova nella piazza su cui affacciano diversi bacari, e la consiglio anche perché a pochi passi si ammira una bella vista sul ponte di Rialto).

Aperitivo al Bancogiro

Hotel: consiglio il Boscolo Bellini perché si trova accanto alla stazione, ed è comodissimo per lasciare subito i bagagli. È però fuori mano se si vuole visitare la città. Altrimenti, dopo aver provato diversi alberghi in diverse zone, compresa la centrale San Marco, penso che un’ottima soluzione sia l’Hotel Agli Alboretti, situato accanto all’Accademia. Ci si arriva con tre diversi traghetti – di cui quello che passa per la Giudecca è poco affollato – ed è strategico sia per arrivare in San Marco, sia per visitare l’Isola di San Giorgio o la Giudecca, sia per il sestiere di San Polo. Scesi da traghetto, è raggiungibile a pochi passi senza dover superare alcun ponte. Il personale è molto gentile e disponibile e la colazione è di buon livello.

Immagini della mostra “Intuition”

Immagini dell’Isola di San Giorgio Maggiore e della Fondazione Giorgio Cini

Immagini della Peggy Guggenheim Collection